‘Tutto è bevuto, tutto è mangiato! Niente più da dire!’

‘Tutto è bevuto, tutto è mangiato! Niente più da dire!’

Quando c’è una moda bisogna sempre seguirla con un tocco di personalità ma mai più di un tocco. Hai ragione Monica! Le piccole novità in questo caso sono almeno due:

a) Io non sono un blogger e non ho mai avuto un blog.

d)Non ho nulla da dire che non sia stato già detto in modi migliori.

Se vi sembra poco, potete cancellare, senza rancore alcuno da parte del vostro caro disconnesso, questo insulso blog dai vostri preferiti.

Come neo blogger ospitato, avevo pensato che potrei postare di tanto in tanto qualche barzelletta, girando su siti amici non si trovano mai belle barzellette da poter riciclare nei momenti di silenzio. Tuttavia credo che non racconterò barzellette.  Potrei altrimenti raccontare delle piccole storielle zen a me molto care. Tipo quella di due monaci che vanno verso il tempio e uno si ferma ad aiutare una bella ragazza in difficoltà. L’altro dopo ore di cammino gli fa ‘ Ehi, ma tu hai aiutato quella bella tipa, ma ti sembra il caso?’ e l’altro monaco gli risponde ‘Ehi, e tu che dopo due ore ancora ci pensi?’.

Potrei altresì fare un sondaggio tra i 3 lettori di questo blog (io, disconnesso, la polizia postale) su cosa desiderino leggere.

Intanto se capisco come si fa metto un link, le più belle spiagge italiane, così questa estate almeno per il mare andate a botta sicura, per il resto questo post può fare veramente poco.

Adesso la cosa importante è che i commenti non siano superiori a quelli della media di questo blog altrimenti potrebbe essere uno smacco troppo duro da digerire con il rischio di togliermi le chiavi di casa sua. E io non voglio! Lo so che sarà dura non commentare la storiella zen ma cercate di provarci.

, , ,